articolo

02/04/2012

 

Che cos’ha il “green” di Pedreña per dare alla luce cotanti vincitori?
 

 

Il 7 Maggio 2011 fu una triste giornata per lo sport spagnolo. In questo giorno moriva il vincitore di tre Master de Augusta, due British Open e tre Ryder Cup. Non fu il golf a perdere un personaggio di dimensioni bibliche, ma lo sport e il paese stessi. Severiano Ballesteros, Seve, come lo conoscevano tutti, fu capace di collocare la Spagna nella categoria dello sport di elite e divenne una delle figure più popolari nella sua disciplina. Il cantabrico lasciava un’eredità inestimabile che aveva iniziato a fiorire da quando egli era un bimbo, nella sua terra natale.
 
Pedreña è una delle otto minuscole località che formano il comune di Marina de Cudeyo e fu il luogo in cui nacque Seve. E, anche se può sembrare che fosse state lui a trasmettere la passione per il green ai suoi compaesani, è sicuro che questo villaggio di soli 1500 abitanti ha sempre conferito importanza capitale a questo sport. Anche quando in Spagna nessuno sapeva che quello era il golf.  Solo a titolo di esempio: il fatto che il Real Club de Golf della località risalga niente di meno che al 1928 e che il piccolo villaggio dalle minuscole dimensioni possieda un campo da golf è abbastanza eloquente sulla passione per questo sport che sia i paesani sia i villaggi vicini sentono come proprio.
 
Senza allontanarci troppo, tutti i fratelli di Seve, Baldomero, Manuel e Vicente, furono golfisti. Anche se magari il maggiore influsso nella carriera del più grande  golfista spagnolo, fu apportato dal fratello della madre, Ramón Sota, uno dei migliori nel suo campo negli anni 60. Sota vinse quattro Campionati di Spagna, arrivò sesto al Masters de Augusta nel 1965 e ottenne numerosissimi trofei in tutto il mondo. 
 
Severiano non c’è più ma l’impronta del suo genio e della sua opera è tuttora presente nel villaggio che lo vide nascere e che è riuscito a concentrare, in così pochi metri quadrati, una passione sconfinata per questo sport. Ogni estate, da 27 anni, si celebra il “Trofeo Seve Ballesteros” al quale partecipano coloro che sono considerati i futuri “severiani”: i ragazzi e i giovani che seguono la scia del golfista che riuscì a rendere una disciplina impopolare uno sport riconosciuto con il Premio Principe delle Asturie per lo Sport nel 1989. 

	 

	Che cos’ha il “green” di Pedreña per dare alla luce cotanti vincitori?

	 

	 

	Che cos’ha il “green” di Pedreña per dare alla luce cotanti vincitori?

	 

	 

	Che cos’ha il “green” di Pedreña per dare alla luce cotanti vincitori?

	 

	 

	Che cos’ha il “green” di Pedreña per dare alla luce cotanti vincitori?